Hotel a Piazza della Signoria - Firenze

Distanza (in linea d'aria)
  • 0,0 km
da 79,00 €
Distanza (in linea d'aria)
  • 0,0 km
da 120,00 €
Distanza (in linea d'aria)
  • 0,0 km
da 87,00 €
Distanza (in linea d'aria)
  • 0,1 km
da 100,00 €
Distanza (in linea d'aria)
  • 0,1 km
da 98,00 €
Distanza (in linea d'aria)
  • 0,1 km
da 300,00 €
Distanza (in linea d'aria)
  • 0,1 km
da 104,00 €
Distanza (in linea d'aria)
  • 0,1 km
da 129,00 €
Distanza (in linea d'aria)
  • 0,1 km
da 153,00 €
Distanza (in linea d'aria)
  • 0,1 km
da 208,00 €
Distanza (in linea d'aria)
  • 0,1 km
da 107,00 €
Distanza (in linea d'aria)
  • 0,1 km
da 238,00 €
Distanza (in linea d'aria)
  • 0,1 km
da 100,00 €
Distanza (in linea d'aria)
  • 0,1 km
da 208,00 €
Distanza (in linea d'aria)
  • 0,1 km
da 126,00 €
Distanza (in linea d'aria)
  • 0,1 km
da 60,00 €
Distanza (in linea d'aria)
  • 0,1 km
da 57,00 €
Distanza (in linea d'aria)
  • 0,1 km
da 126,00 €
Distanza (in linea d'aria)
  • 0,1 km
da 249,00 €
Distanza (in linea d'aria)
  • 0,1 km
da 550,00 €
Distanza (in linea d'aria)
  • 0,1 km
da 363,00 €
Distanza (in linea d'aria)
  • 0,2 km
da 127,00 €
Distanza (in linea d'aria)
  • 0,2 km
da 67,00 €
Distanza (in linea d'aria)
  • 0,2 km
da 129,00 €
Distanza (in linea d'aria)
  • 0,2 km
da 84,00 €

Piazza della Signoria

Piazza della Signoria è la piazza centrale di Firenze caratterizzata da una particolare forma ad L e dalla presenza di numerose ed importanti opere d’arte e architettura: sulla piazza si affacciano infatti Palazzo Vecchio (sede dell’amministrazione pubblica nel Duecento), il monumento equestre di Cosimo I del Giambologna, la Fontana del Nettuno di Bartolomeo Ammannati e Giambologna, una riproduzione della scultura raffigurante il Marzocco (il leone con lo stemma di Firenze) e le riproduzione del bronzo di Giuditta e Oloferne, il David di Michelangelo (l’originale è conservato nella Galleria dell’Accademia) ed il gruppo marmoreo di Ercole e Caco di Baccio Bandinelli.


Altre sculture sono ospitate nella parte sinistra della piazza detta Loggia della Signoria o anche Loggia dei Lanzi. Tra le più importanti troviamo il Perseo di Benvenuto Cellini, che ritrae l’eroe greco che mostra la testa di Medusa appena uccisa, le virtù Teologali e Cardinali, la Fortezza, la Temperanza, la Giustizia, la Prudenza, la Fede e la Carità. Nella parte inferiore della facciata di Palazzo Vecchio, alla destra dell’ingresso, è possibile ammirare un particolare graffito: si tratta di quello che i fiorentini chiamano “l’importuno”.


La leggenda narra che sia opera di Michelangelo Buonarroti e che rappresenti un uomo che era solito importunare l’artista con lunghe e noiose chiacchiere. Michelangelo, durante una di queste conversazioni, decise allora di ritrarlo sul muro con uno scalpello.