Istanbul Hotels - Hotel a Istanbul – HOTEL INFO

Distanza (in linea d'aria)
  • 6,9 km
da 65,00 €
Distanza (in linea d'aria)
  • 1,4 km
da 21,00 €
Distanza (in linea d'aria)
  • 0,0 km
da 24,00 €
Distanza (in linea d'aria)
  • 0,4 km
da 51,00 €
Distanza (in linea d'aria)
  • 1,6 km
da 53,00 €
Distanza (in linea d'aria)
  • 0,0 km
da 27,00 €
Distanza (in linea d'aria)
  • 0,2 km
da 31,00 €
Distanza (in linea d'aria)
  • 2,1 km
da 40,00 €
Distanza (in linea d'aria)
  • 8,4 km
da 119,00 €
Distanza (in linea d'aria)
  • 5,0 km
da 34,00 €
Distanza (in linea d'aria)
  • 1,6 km
da 33,00 €
Distanza (in linea d'aria)
  • 0,1 km
da 26,00 €
Distanza (in linea d'aria)
  • 0,0 km
da 30,00 €
Distanza (in linea d'aria)
  • 2,1 km
da 35,00 €
Distanza (in linea d'aria)
  • 0,0 km
da 80,00 €
Distanza (in linea d'aria)
  • 2,0 km
da 54,00 €
Distanza (in linea d'aria)
  • 8,0 km
da 40,00 €
Distanza (in linea d'aria)
  • 0,3 km
da 35,00 €
Distanza (in linea d'aria)
  • 0,1 km
da 30,00 €
Distanza (in linea d'aria)
  • 1,2 km
da 34,00 €
Distanza (in linea d'aria)
  • 0,9 km
da 36,00 €
Distanza (in linea d'aria)
  • 0,3 km
da 20,00 €
Distanza (in linea d'aria)
  • 3,4 km
da 60,00 €
Distanza (in linea d'aria)
  • 0,0 km
da 34,00 €
Distanza (in linea d'aria)
  • 3,2 km
da 32,00 €

È la città più popolosa d’Europa con circa 13 milioni di abitanti ed è considerata la città ponte tra l’Europa e l’Asia. Istanbul, chiamata Costantinopoli fino ad un centinaio di anni fa e prima ancora Bisanzio, ha un passato storico e culturale glorioso anche grazie alla sua posizione strategica, sullo Stretto del Bosforo.

La geografia

Divisa in due dal Bosforo la città ha una parte considerata europea e una asiatica, l’una ancora in Tracia e l’altra già in Anatolia. Palazzo Topkapi, uno dei simboli della città, era in realtà una delle porte di accesso al palazzo del Sultano, sul promontorio del Serraglio, e risale al 1400. Attualmente è adibito a Museo. La sua posizione avanzatissima sul Corno d’oro ne fa l’ultimo avamposto europeo della città, oltre il quale è il mare e si scorge la parte asiatica di Istanbul, raggiungibile con il Ponte sul Bosforo, costruito nel 1973, oggi “affiancato” da un altro ponte.

Basiliche e Moschee

La Basilica di Santa Sofia è un ottimo riassunto di tutto ciò che è accaduto ad Istanbul: il suo percorso l’ha vista trasformarsi in luogo di culto ortodosso, poi cattolico, quindi musulmano e infine in museo. Bizantina nello stile, ricca di mosaici dorati, apprezzata dagli addetti ai lavori soprattutto per la sua cupola, questo edificio antichissimo, venne terminato nel 537, è un vero e proprio crocevia di culture e religioni.

La Moschea Blu deve il suo nome al colore delle tessere del mosaico che ne rivestono la cupola internamente. La luce che filtra dalle finestrelle regala uno spettacolo quasi surreale. Con bei 6 minareti è una delle più grandi moschee al mondo, risale agli inizi del 1600. Non si lascia Istanbul senza averla visitata.

Medievale è invece la Torre di Galata, che faceva parte di un complesso di fortificazioni; estremamente suggestiva anche la Cisterna Basilica, fatta costruire dall’imperatore Giustiniano sottoterra, con un colonnato fatto da materiali di recupero di grande pregio artistico.

Cosa mangiare

Ovviamente assaggiate il kebab, quello originale. Per farlo chiedete di un döner ekmek, e vi troverete di fronte allo spiedo verticale di carne ormai conosciuto anche in Europa. Viceversa se chiederete un Kebap vi imbatterete in una specie di arrosto, da mangiare seduti al ristorante, e non da asporto. I primi piatti sono soprattutto zuppe molto sostanziose: spesso a base di lenticchie. Yogurt e frutta secca abbondano nella cucina turca, con utilizzi spesso molto diversi da quelli occidentali. Da assaggiare il caffè turco che è molto più denso di quello italiano e necessita di un tempo per sedimentare sul fondo, prima di essere bevuto.

I trasporti

Istanbul dispone di due aeroporti: quello maggiore, situato nella parte europea della città si può considerare ormai integrato nel tessuto urbano e quindi facilissimo da raggiungere, quello della parte asiatica è leggermente più decentrato. A collegare le due parti della città c’è un sistema di traghetti che attraversano il Bosforo. Il mezzo più caratteristico su cui potete fare un giro è sicuramente il tram rosso che arriva fino a Piazza Taskim. Due linee di metropolitana, due funicolari sotterranee e svariate linee di autobus completano il quadro dei trasporti di questa enorme città.

Inserisci il periodo in cui desideri viaggiare per ottenere le migliori offerte di hotel.