Il Quartiere Santo Spirito

Appuntamento con l’artigianato fiorentino

  • ponte_vecchio_1178x500
  • palazzo pitti1178x500
  • santo spirito1178x500
  • artisti1178x500
  • florence-boboli-gardens1178x500
Siamo arrivati all’appuntamento con l’immancabile Quartiere di Santo Spirito, un’area che attira i turisti più curiosi non solo per i suoi importanti monumenti ma soprattutto per rivivere la raffinata tradizione artigianale fiorentina.
1

Ponte Vecchio

Ponte Vecchio, 50123 Firenze, Italia

Partiamo dal luogo più conosciuto al mondo: Ponte Vecchio. Non immaginerete mai che le prime botteghe ospitate sul ponte erano macellerie, solo dopo che l’architetto Vasari lo ha usato come base per il “Corridoio Vasariano” quelle botteghe furono poi occupate da orafi e gioiellieri, così come lo vedete adesso. Il Corridoio Vasariano è infatti uno spettacolare percorso sopraelevato di un chilometro ed è nato per collegare Palazzo Vecchio con Palazzo Pitti, per consentire ai Granduchi di muoversi in sicurezza tra un palazzo e l’altro. Ad oggi purtroppo la visita è molto ristretta: possono entrare piccoli gruppi su prenotazione e solo in periodi selezionati. Mentre attraversate Ponte Vecchio vi consiglio di affacciarvi sul lato destro: in lontananza potete vedere gli altri ponti di Firenze, in particolare Ponte Santa Trìnita, e sullo sfondo potete intravedere la cupola della Basilica di Santa Trìnita.

 

Palazzo Pitti e Giardino dei Boboli

Lasciatevi Ponte Vecchio alle spalle e prendete a destra, poco dopo sarete davanti al maestoso Palazzo Pitti, residenza dei Granduchi. Volete un motivo per entrare? Ve ne do 6! Dentro sono ospitati: Galleria Palatina: qui si trova la collezione dei Medici che comprende opere del calibro di Raffaello, Caravaggio e Tiziano. Galleria d’arte Moderna: esposizione di dipinti e sculture che vanno dal ‘700 alla prima guerra mondiale. Galleria del Costume: area che conta circa 6000 pezzi, tra abiti antichi e moderni, accessori e costumi teatrali. Museo degli Argenti: percorso che attraversa un’incredibile collezione di argenteria e di gioielli. Museo delle porcellane: sono esposte le più belle porcellane d’Europa donate dai vari potenti di quel tempo e infine…
2

Giardino dei Boboli

Piazza Pitti 1, 50125 Firenze, Italia

Giardino la cui vasta superficie ed accuratezza di ogni dettaglio lo rende un vero e proprio museo a cielo aperto. I Medici curarono personalmente la sua sistemazione e con il Giadino dei Boboli crearono il primo modello di giardino all’Italiana, ammirato e ripreso successivamente in tutte le corti d’Europa.

 

Osteria Tripperia Il Magazzino

Quando uscite dal palazzo, seguite una delle viuzze che sta proprio davanti alla facciata. Vi ritrovate in Piazza della Passera e concentratevi sull’Osteria Il Magazzino, ristorante specializzato in piatti a base di trippa e lampredotto. Chi non ha molto tempo può sedersi velocemente per prendere un panino al lampredotto accompagnato da vino al bicchiere. Vi state domandando: cosa è il lampredotto? È uno dei quattro stomaci del bovino, bollito e condito in salsa verde. È una specialità che trovate solo a Firenze ed i fiorentini doc lo mangiano appunto dentro al panino. Buonissimo, provare per credere! Di fianco si trova il celebre I Quattro Leoni, ristorante elegante e molto apprezzato dai fiorentini.
3

Basilica di Santo Spirito

Piazza di Santo Spirito, 50125 Firenze, Italia

Cambiamo piazza ed arriviamo fino a Piazza di Santo Spirito: qui si erge l’omonima Basilica, ultima opera del Brunelleschi, caratterizzata da un facciata spoglia e semplice ma con all’interno numerosi altari con pale antiche. Un esperimento che non fu poi ripreso dai suoi successori e per questo motivo è molto raro vedere un’architettura di questo tipo altrove. La piazza è molto vivace e non la troverete mai deserta: punto di incontro di giovani specialmente di sera, il suo perimetro è contornato da ristoranti e bar sempre aperti ed affollati. Inoltre, ogni mattina e spesso anche la domenica, è sede di mercatini di antiquariato. Insomma c’è sempre un motivo per venire in questa piazza. Per maggiori informazioni: www.basilicasantospirito.it

 

Ponte alla Carraia – Gelateria La Carraia

Questa gelateria prende il nome dal ponte su cui si trova, Ponte alla Carraia, il più longevo dopo Ponte Vecchio. La Carraia è famosa per i suoi buonissimi gelati alla crema e alla frutta e questo lo deve al continuo raggiungimento della qualità massima e soprattutto alla voglia di proporre nuovissimi gusti ai suoi clienti affezionati e non. Se volete concedervi di più di un gelato, ci sono anche torte e monoporzioni. Sicuramente questa sarà una sosta molto gustosa e dolce, e poi la location è favolosa.  

Ippogrifo, Stampe d’Arte

Passeggiate in Via Santo Spirito e siete nell’affascinante strada delle botteghe d’Oltrarno. Tra tutte quella che potrebbe maggiormente incuriosirvi è il laboratorio Ippogrifo, grazie alla sua invitante vetrina con stampe pregiate ed eleganti. Quando entrerete, verrete subito calorosamente accolti dalla moglie del proprietario, che vi spiegherà tutto il processo di questa attività antica che ha bisogno della mano di un vero e proprio artista. Il momento cruciale di tutto il lavoro è l’incisione con particolari punte su una lastra metallica, poi trattata con la tecnica dell’acquaforte, cioè del bagno in acido. L’ultimo passaggio sono l’inchiostrazione e il colore a mano con il pennellino. Immagine header, Boboli: SJ Travel Photo and Video, Shutterstock

Potrebbe interessarti anche

Das Restaurant Fleischerei von innen.

Fleischerei

Il pavimento e le pareti piastrellati, ma anche i piccoli pozzetti di raccolta al suolo,… Leggi di più

Die Frankfurter Skyline mit Main und Schiff im Vordergrund

I 5 migliori after work a Francoforte

Francoforte offre numerose opzioni per divertirsi e mangiare bene. Personalmente amo cambiare e, quindi, non… Leggi di più

Der Arc de Triomf in Barcelona

Jogging a Barcellona: Ciutat Vella e Poblenou

Barcellona è contraddistinta da mare e montagna. Scoprite una parte del centro, attraversate magnifici parchi… Leggi di più

Schwarzweiß-Foto der Museumsinsel in Berlin

Emozioni culturali sull’isola dei Musei

Che opinione si ha di una città che esilia su un’isola i propri tesori artistici… Leggi di più